Ricercare, impaginare

(...) Teatro di tendenza? Sì, teatro di tendenza ribadisce Quadri a chi evoca il termine nell'accezione riduttiva: per Quadri tendenza oggi va intesa in maniera diversa da quella che contrapponeva "avanguardia" e "scena ufficiale", dire tendenza significa ammettere la pluralità dei teatri e le scelte necessariamente personali che guidano la ricerca. In fin dei conti l'unica divisione che Quadri accetta - citando un autore al disopra di ogni "tendenza": Peter Brook - è quella fra teatro vivo e teatro morto. Tutto questo è ricerca, e quando prevale "la labilità dei rapporti e il distacco di fondo che sempre esiste fra gli operatori e i teatranti", si affaccia lo spettro dell'ingratitudine, nel bilancio tracciato da Quadri. "E il senso di abbandono è reale, anche se non gratitudine si cerca, quanto più semplicemente e meno emotivamente una continuità costruttiva nel lavoro di proposta e collaborazione" (da Per un teatro vivo, in "Teatro/Festival", n. 1, pp 67-70).

Un'ultima osservazione, in margine ai materiali consultati, proprio a partire dal manoscritto per il programma di sala di Notturni diamanti: la grafia impossibile, la cura puntigliosa per l'impaginazione, quale che sia la destinazione del manoscritto.

Quello che colpisce è la caparbietà con la quale Quadri impugna, mano alla penna, le sue iniziative: tutto è appuntato, siglato, rivisto, impaginato. vediamo i pallini, nelle valutazioni dei progetti per Teatrart, i pallini neri e rossi nel conteggio dei voti al referendum per i Premi Ubu, i pallini nelle selezioni dei testi al Premio Riccione. Si impagina una possibile rassegna, una terna di finalisti, un arco di possibilità e, nell'impaginazione, si interviene con la nota che fa cambiare musica.

Si veda, nel nostro caso, l'aggiunta di "assediata" nel documento manoscritto su Notturni diamanti: quella piccola aggiunta "in verticale", inserita nell'ultima rilettura, apre la dimensione temporale dell'affermazione, aiuta a dire il senso della circostanza storica, diventa racconto nel tempo: un'evoluzione "guerreggiante e vincente" dice di un'adesione, di una necessità, "assediata" ci dice delle "circostanze date". E, sappiamo, le circostanze date sono la condizione del lavoro teatrale del Novecento.

Trasformare i qualificativi in precipitato di racconto, fare vedere il movimento del pensiero nel tracciato della scrittura, sottolineare, staccare. Lo vediamo nelle note per gli interventi pubblici, lo vediamo nei quaderni su cui appunta - al buio, senza staccare l'occhio dalla scena - gli spettacoli da recensire, lo vediamo nelle pagine fitte fitte nelle quali rintraccia il percorso della sua Biennale, quasi una mappatura dei luoghi da non perdere: di questi luoghi il segno grafico sulla pagina è traccia e indicazione, in un vero e proprio percorso di educazione allo sguardo, di allenamento al guardare. Queste mappature a mano sono un'altra spia della capacità di impaginare le visioni che Franco Quadri ha esercitato in tutta la sua ricerca.

da Renata M. Molinari, Ricercare, impaginare. Appunti intorno al lavoro teatrale di Franco Quadri, fra Milano e Venezia, in "Il teatro che credi di conoscere. Le carte patafisiche di Franco Quadri e della Ubulibri", Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, Milano, 2013.

 

Leggi la recensione di Camilla Tagliabue sul Sole 24Ore.

Leggi la recensione di Andrea Porcheddu su gli statigenerali.com.

isuzu cikarang isuzu cikarang bekasi jakarta isuzu giga isuzu giga isuzu giga isuzu elf isuzu panther Dealer Isuzu Bekasi Cibitung Cikarang isuzu elf isuzu giga elf sparepart isuzu kredit isuzu harga isuzu promo isuzu dealer isuzu isuzu isuzu mobil isuzu bekasi isuzu online isuzu kita promo isuzu promo isuzu isuzu giga isuzu panther isuzu elf paket umroh Resep Masakan Resep Masakan